Ripariamo Sinudyne - Ripariamo Sinudyne Inserito in Assistenza - Mar... - sinudyne, anche, televisor
 46 visitatori online
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Stampa
PDF

Ripariamo Sinudyne

Inserito in Assistenza - Marchio

Cerchi il centro Assistenza Sinudyne ? Gieri & Stanzani Bologna non è il centro assistenza ufficiale, ma è in grado di effettuare ogni tipo di riparazione.

.

VIDEO

La Sinudyne era un'azienda italiana produttrice di elettronica di consumo, in particolare nel settore degli apparecchi radio-televisivi.
Fu fondata nel 1946 a Bologna come SEI-Società Elettronica Italiana S.p.A., da due soci: il Sig. Antonio Longhi e il Sig. Bruno Berti, e inizialmente si occupò della costruzione di radio a valvole.
Nel 1954, venne avviata la produzione dei primi televisori, settore nel quale si concentrerà esclusivamente a partire dagli anni sessanta. Nel 1959, sede e stabilimento vennero trasferiti a Ozzano dell'Emilia, in provincia di Bologna.
Ebbe un buon successo a livello nazionale, con una diffusa rete di rivenditori e di assistenza, grazie a prodotti di qualità e design e nel 1983[1] Sinudyne realizza, prima in Italia e seconda nel mondo, il televisore con tecnologia digitale. La Sinudyne ha avuto una storia anche come importatrice e distributrice di altre marche negli anni ottanta-novanta come Nordmende e Orion e dopo il 2002 i cellulari della Sendo venduti tra l'altro anche con il marchio Sinudyne in accordo con il gestore Wind [2].
Sinudyne ha sempre dedicato attenzione anche al design tanto da avere avuto una segnalazione all'ADI design per un modello denominato Digiflat disegnato da Lamberto Angelini[3].
Nel 1991-1992 il marchio Sinudyne fu associato anche ad una delle maggiori squadre di calcio bolognesi, il Bologna Football Club 1909[4] e prima ancora alla squadra bolognese di pallacanestro, la Virtus Bologna.
Nel 2000, l'azienda bolognese rilevò dalla Thomson, il suo stabilimento spagnolo di Tarancón, che venne destinato alla produzione dei televisori dai 14 ai 21 pollici[5].
Nel 2002, l'azienda, rimasta sempre a conduzione familiare, fu ceduta al Gruppo Merloni, che la rilevò attraverso la Panini, nota azienda produttrice di figurine controllata dalla stessa Merloni. Durante questo periodo il marchio Sinudyne fu utilizzato per commercializzare anche una linea di piccoli elettrodomestici e introdusse una linea di climatizzatori.
Nel 2003, vennero prodotti e commercializzati i primi televisori LCD, e proprio nel settore dei televisori, l'azienda deteneva in quel periodo una quota nel mercato nazionale pari all'8,7%[6]. Successivamente venne decisa la chiusura degli stabilimenti di Ozzano dell'Emilia, avvenuta il 31 agosto 2006, dopo che un anno prima tutta la sua produzione era stata delocalizzata in Lituania[7]. La società è attualmente in liquidazione come illustrato - per poco ancora - dal sito ufficiale.

AddThis Social Bookmark Button
Honor7 - 300x100